Perché Laurearsi In Matematica

venerdì, 31 marzo , 2017 Pubblicato da Michele D'Ippolito

Oggi c’è chi dà i numeri…e chi va matto per i numeri! Se vi rivedete in quest’ultimo caso, allora siete persone dotate di una vera e propria “vocazione scientifica”, che non dovete in nessun modo ignorare ma invece coltivare, soprattutto quando si tratta di fare scelte che riguardano il proprio futuro. Ecco perché dovreste prendere seriamente in considerazione l’idea di prendere una laurea in Matematica. A maggior ragione se consideriamo gli ultimi dati Almalaurea sull’occupazione dei laureati ad 1 anno dal conseguimento del titolo di studio.

Per anni bistrattata perché considerata “noiosa”, difficile e con pochi sbocchi lavorativi, oggi la laurea in Matematica sembra sia tornata in auge. Studi recenti, infatti, ne dimostrano l’elevata spendibilità nel mercato del lavoro, con un tasso di occupazione che arriva all’83% a soli 12 mesi dal conseguimento del titolo, mentre a 5 anni un ottimo 55% ha un contratto a tempo indeterminato con uno stipendio medio di € 1.076. Negli ultimi anni, molti studenti stanno accorgendosi del gran potenziale offerto da questa laurea, tanto che le immatricolazioni sono cresciute del 27,1% e il trend sembra essere ulteriormente in crescita. In generale, però, i laureati in questa disciplina sono ancora pochi e sicuramente di gran lunga inferiori rispetto alla domanda del mercato del lavoro. Ecco perché trovare lavoro quasi subito non è un’utopia per loro!

Materie

Le materie studiate sono tante e variano, ovviamente, in base all’indirizzo scelto. L’offerta didattica dei vari atenei (Dipartimenti di Scienze Matematiche) spazia dall’algebra all’analisi matematica, dalla fisica alla geometria, dalla statistica all’analisi funzionale, dalla meccanica razionale ai metodi di approssimazione numerica. Per arrivare, nei corsi di laurea magistrale, allo studio di discipline ben più impegnative come la meccanica analitica e celeste, la relatività e cosmologia o la geometria complessa. I corsi di laurea in matematica, insomma, non fanno solo al caso di chi scopre di avere una passione per i numeri ed i calcoli. Ma anche di chi si pone continui interrogativi sui massimi sistemi e si avventura in sfide titaniche dagli sviluppi imprevedibili.

Sbocchi Lavorativi

Gli sbocchi professionali sono molteplici e non riguardano solo l’insegnamento. I dottori in Matematica possono lavorare in banca, nelle assicurazioni, negli istituti che realizzano sondaggi, negli enti di ricerca, nelle società di consulenza, nella pubblica amministrazione, nelle Borse e nei mercati e ovviamente nelle industrie, dove spesso trovano impiego nel settore ricerca e sviluppo, ma anche in quello dell’informatica. Per non parlare dei matematici che operano nel settore bio-medico o in quello dei trasporti e della logistica. Ma c’è anche chi si specializza nella crittografia di dati o trova lavoro nel settore meteorologico. Ovunque ci sia la necessità di fare dei calcoli, insomma, la laurea in matematica risulta particolarmente richiesta.

Dove Studiare

Fra le migliori università per studiare matematica, le classifiche rilasciate da Censis-Repubblica indicano l’università di Trieste (al primo posto), seguita dal Politecnico di Torino, Camerino, Torino, Roma “Tor Vergata” e Perugia.

Condividi suShare on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Share on Reddit0Email this to someone

Tags: , , , , ,

Lascia un Commento

*

 
 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi