Studiare all’Estero: 9 Paesi Senza Test d’Ingresso

Fra circa un mese, migliaia di studenti saranno impegnati nei temutissimi test d’ingresso per accedere alle facoltà universitarie a numero chiuso. Purtroppo, non tutti ce la faranno e la delusione nell’animo di molti è quasi palpabile! Ma se studiare all’estero non vi spaventa e non volete aspettare un altro anno per riprovarci, sappiate che in altri paesi esistono molte facoltà ad accesso libero.

test d'ingresso

Paesi Che Non Prevedono Test d’Ingresso

Di seguito vi elencherò una serie di paesi con facoltà che, a differenza delle nostre, non prevedono nessun test d’ingresso.

Inghilterra

In Inghilterra, tutte le facoltà universitarie sono a numero chiuso. Tuttavia, per accedervi, non è richiesto un vero e proprio test d’ingresso ma “solo” la compilazione di una domanda di ammissione che includa il voto dell’esame di maturità, i voti ottenuti durante il percorso scolastico in alcune materie specifiche per la facoltà scelta, il superamento del test IELTS con un determinato punteggio (stabilito dai singoli atenei) e altri test di logica o più specifici a seconda del corso di laurea scelto, oltre a lettere motivazionali e referenze da includere nella domanda.

Austria

In Austria, la maggior parte dei corsi di laurea non prevedono test d’ingresso. Allo studente è richiesto solo il diploma di maturità (o titolo equivalente) e un’attestazione di conoscenza della lingua tedesca (livello B2 o superiore). Tuttavia, alcune università richiedono un esame di ammissione per le facoltà di Arte, Scienze motorie, Medicina, Veterinaria, Odontoiatria, Architettura, Biologia e Biochimica, Farmacia, Economia e Pedagogia.

Germania

Anche in Germania la maggior parte dei corsi di laurea non è a numero chiuso, ma sono richiesti voto di maturità ed esame di tedesco superato con livello B2/C1. Tuttavia, ogni università può stabilire i propri criteri di ammissione. Per maggiori informazioni è quindi consigliabile consultare il sito dell’ateneo in questione.

Bulgaria e Repubblica Ceca

Se intendete studiare Medicina, allora la Bulgaria e la Repubblica Ceca sono fra le mete preferite dagli studenti europei negli ultimi anni (italiani compresi). Soprattutto, la Medical University Sofia, l’Università di Debrecen e la Charles University di Praga. Il motivo di tale popolarità sta nell’assenza di test di ammissione e le spese molto basse rispetto ad altre capitali europee (in media circa € 8/9.000 all’anno, vitto e alloggio compresi).

Francia

In Francia tutte le università sono ad accesso libero. Tutte, inoltre, sono pubbliche e finanziate dallo Stato. Vi sono poi quelle che vengono chiamata “Le Grandes Ecoles”, istituti di alto livello che rilasciano diplomi Bac+5 il cui accesso è a numero chiuso (vi sono le Scuole Normali, le Grandes Ecoles di Arte e Architettura, di Management, d’Ingegneria e di Scienze Politiche). La Francia non prevede inoltre il sostenimento di un test d’ingresso per Medicina al primo anno, ma sarà necessario superare una sorta di concorso, diviso in due parti, molto selettivo per accedere al secondo anno. Nel caso non si superi il concorso, si avrà solo un altro tentativo a disposizione.

Romania

Chi volesse studiare Medicina in Romania senza sostenere nessun test d’ingresso, può farlo all’Università di Timisoara.

Albania

Anche in Albania si studia Medicina senza l’obbligo di sostenere un test di ammissione. Non solo. Il corso di laurea si svolge completamente in italiano e il titolo è legalmente riconosciuto anche nel nostro Paese. A Tirana, infatti, ci sono 2 università private che hanno una discreta presenza di studenti italiani: l’Università Cattolica Nostra Signora del Buon Consiglio e l’Università Kristal, che rilascia titoli firmati da UniZkm e dall’Università Tor Vergata di Roma.

Spagna

Nel paese iberico non esiste il concetto numero chiuso. Tuttavia, per entrare a Medicina si deve superare un processo selettivo non semplice. Per l’ammissione, lo studente dovrà presentare il diploma di Maturità e i voti ottenuti durante il triennio delle superiori e poi affrontare un piccolo questionario con domande su Biologia e Chimica. Presso la Universidad Europea di Madrid è possibile anche studiare Odontoiatria, Fisioterapia, Farmacia e Architettura senza sostenere nessun test d’ingresso.

Svizzera

Anche la vicina Svizzera non prevede test per l’ammissione alla Facoltà di Medicina. Inoltre, presso il polo di Chiasso è stato attivato il biennio di Medicina (in lingua inglese) della Medical University of Sofia (MUS). Tuttavia, prima dell’iscrizione bisognerà seguire un corso preparatorio istituito da Cepu International, che verterà sulle materie scientifiche e il grado di conoscimento della lingua inglese: al termine del corso ci sarà un piccolo esame finale per certificare il possesso dei requisiti.

Condividi suShare on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Share on Reddit0Email this to someone




Be the first to comment on "Studiare all’Estero: 9 Paesi Senza Test d’Ingresso"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


*