Ebook vs Libro: l’editoria che cambia

Il mondo dell’editoria sta realmente cambiando?

La risposta è una ed è certamente inequivocabile: sì, sta cambiando, anche se non del tutto. Infatti, non possiamo dire che gli ebook abbiano completamente sostituito o sostituiranno totalmente i libri cartacei, né tantomeno che le modalità di lettura da parte di tutti gli appassionati diventeranno essenzialmente “digitali”. Ad ogni modo i numeri parlano chiaro, proprio grazie ai dati raccolti attraverso un attento studio condotto dall’Università Telematica Unicusano e dalla Casa Editrice Edicusano che, unendo le loro competenze, hanno fotografato la situazione dell’editoria attuale in una chiara e completa infografica, che è possibile visionare sui loro portali.

Ebook vs Libro: l'editoria che cambia

 

Più nello specifico, dal grafico si evince come sia sempre più in voga l’utilizzo dei dispositivi digitali anche per quanto riguarda la lettura dei libri che, per l’appunto, diventano ebook. Questi ultimi consentono non solo di fruire dei vari contenuti letterari tradotti in ogni lingua, ma offrono anche la possibilità di avvalersi di guide e testi scolastici o universitari in versione digital. Chiaramente, rimane sempre una buona fetta di persone che preferisce ugualmente comprare i libri in formato cartaceo. Tuttavia, per quel che riguarda i mezzi di trasmissione informativa, si prediligono sempre più i formati ebook, in quanto più rapidi, comodi e facilmente accessibili rispetto ad esempio a un giornale cartaceo. Con questi presupposti, è naturale chiedersi: il formato ebook sostituirà completamente il cartaceo?

Non è ancora possibile dare una risposta concreta e definitiva alla domanda, un po’ perché in fondo non lo spera nessuno, e un po’ perché il mercato è piuttosto frammentato e c’è chi preferirà sempre avere tra le mani un buon libro fatto di fogli e caratteri stampati. Tuttavia, non si può far finta di nulla: l’avvento dell’era digitale ha influito notevolmente persino sul settore dell’editoria e ha dato agli utenti la possibilità di acquistare e di accedere a numerosi contenuti in maniera più economica, completa e veloce rispetto ai mezzi più tradizionali. Questo non può essere che un bene per la comunità, per l’editoria e per i lettori stessi, che dovrebbe far pensare a un’evoluzione di questo settore e non a un passo indietro.

Non a caso, la Casa Editrice Edicusano ha deciso di sfruttare al meglio l’avvento dell’era digitale. La squadra messa insieme dall’Università Telematica Niccolò Cusano si presenta infatti come una casa editrice innovativa e all’avanguardia, che ha preferito approcciarsi in modo molto positivo alla diffusione dei libri in formato digitale, creando un sistema che potesse dare la possibilità a diversi autori emergenti di esordire proprio mediante la realizzazione di ebook. Sono già diverse le pubblicazioni attribuibili a questo contesto, soprattutto per quel che riguarda i contenuti scientifici, con i relativi saggi.

Questa scelta si tramuta in un punto di forza per la casa editrice stessa, che permette di comprendere che, in realtà, non ci sono poi così tanti lati negativi nell’avvento degli ebook: riducono i costi di produzione e il prezzo finale del testo, e aumentano le possibilità di crescita di ogni autore, che può essere conosciuto da molte più persone. D’altra parte, anche il lettore può incontrare molti vantaggi: oltre a spendere meno, può leggere un ebook dove e quando vuole, da qualunque dispositivo a sua disposizione. Pertanto, certamente l’ebook non farà scomparire il cartaceo, ma ha incrementato e incrementerà il numero di persone che leggono e che possono pubblicare e condividere i loro manoscritti, e questo non è mai un male.

Be the first to comment on "Ebook vs Libro: l’editoria che cambia"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


*