Ingegnere Gestionale: che ruolo ha all’interno delle aziende?

L’ingegnere gestionale è una figura professionale che ha acquisito le competenze necessarie conseguendo la laurea in ingegneria gestionale.

Prima di intraprendere questo percorso di studi, che prevede il conseguimento di una laurea triennale, da proseguire eventualmente con un ulteriore biennio per farla diventare laurea magistrale, è utile capire qual è il ruolo dell’ingegnere gestionale all’interno delle aziende.

Ingegnere gestionale: che ruolo ha all’interno delle aziende?

Che questa figura professionale sia sempre più richiesta è un dato di fatto, ma non vi è sempre chiarezza su cosa faccia nello specifico chi si laurea in ingegneria gestionale. In questa guida ci proponiamo di rispondere a questa domanda e di chiarire il ruolo della figura professionale citata.

Per capire cosa fa l’ingegnere gestionale è utile innanzitutto capire quali sono le competenze che chi si forma in questo settore dovrebbe acquisire. Il percorso di studi è finalizzato a fornire allo studente le capacità e le conoscenze per poter progettare, organizzare in modo corretto e gestire le imprese.

Questa figura professionale svolge dunque un ruolo centrale per la crescita dell’impresa, affiancandosi ad altre figure lavorative ed offrendo un supporto complementare. Si commette spesso l’errore di pensare che il ruolo di un ingegnere gestionale possa essere occupato da un laureato in economia: in realtà ciò non avviene, perché le competenze fornite dai due percorsi di studio sono differenti.

Ad esempio, mentre il laureato in economia ha le conoscenze adeguate per leggere ed interpretare i modelli economici, all’ingegnere gestionale viene affidato il compito di progettare modelli di impresa e di organizzare flussi di lavoro per potenziare la produttività dell’azienda.

Oltre al fatto che la richiesta di ingegneri gestionali è in aumento, con la disponibilità di numerose posizioni lavorative, questa professione offre anche un altro grande vantaggio. I laureati potranno infatti scegliere se lavorare per un’azienda, oppure se lavorare in proprio, in qualità di libero professionista ed utilizzando la partita IVA per ricevere i pagamenti e dichiarare le entrate.

Per diventare ingegnere gestionale bisogna conseguire la laurea, triennale o magistrale a seconda delle proprie preferenze e delle proprie aspirazioni lavorative. E’ possibile anche iscriversi ad una laurea online in ingegneria gestionale, offerta da UniCusano.

Si tratta di un corso di laurea riconosciuto, che eroga tutti gli insegnamenti tradizionali previsti per questo corso di studio, ma che offre il vantaggio di non dover essere soggetti ad orari delle lezioni limitanti ed al doversi recare in aula.

Tutto il materiale viene caricato infatti sulla piattaforma online, accessibile agli studenti iscritti al corso di laurea, e resta disponibile ventiquattro ore su ventiquattro, per tutta la durata del corso di studio. Trattandosi di una laurea riconosciuta, spendibile senza problemi in ambito lavorativo, gli studenti saranno tenuti a sostenere degli esami finali, per dimostrare di aver acquisito le conoscenze e le competenze previste dal programma di formazione e di essere pronti per accedere al mondo del lavoro.

L’università telematica UniCusano è nota per la qualità delle sue lauree online e per la preparazione che gli studenti mostrano al termine del loro percorso di formazione, sostenuto con questo ateneo online che non ha nulla da invidiare agli atenei tradizionali.

Be the first to comment on "Ingegnere Gestionale: che ruolo ha all’interno delle aziende?"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


*