I Migliori Paesi Esteri Dove è Più Facile Trovare Lavoro

Andare all’estero per trovare lavoro sta diventando quasi una prospettiva obbligata per molti giovani che non riescono a trovare un lavoro in questo paese, ma anche per quelli che cercano un’esperienza diversa che possa arricchirli non solo dal punto di vista economico-lavorativo.

I Migliori Paesi Esteri Dove è Più Facile Trovare Lavoro

Il mercato del lavoro estero è infatti ricco di opportunità che spesso possono cambiare la vita e allargare le proprie prospettive per il futuro. Lavorare all’estero consente infatti di:

  • imparare un mestiere o una professione;
  • imparare una lingua straniera (l’inglese, soprattutto);
  • possibilità di aprire la propria mente vivendo con una cultura diversa dalla propria;
  • imparare ad essere più indipendenti.

Trovare lavoro all’estero, soprattutto se si è giovani, offre inoltre un altro grandissimo vantaggio: aumentare l’efficacia del proprio curriculum (leggi anche Come Scrivere un Curriculum Efficace). Un aspetto certamente non da sottovalutare in un mondo sempre più globalizzato. Considerate poi che alcuni paesi sono più specializzati di altri in determinati settori e trovare lavoro all’estero consentirà quindi non solo di migliorare il proprio curriculum ma anche le proprie competenze in merito ad una specifica attività.

I Migliori Paesi Esteri Dove è Più Facile Trovare Lavoro

Se state quindi pensando che l’emigrazione sia rimasta l’unica alternativa, allora vi interesserà conoscere i paesi dove sarà più facile trovare lavoro all’estero. Il tasso di disoccupazione non è infatti omogeneo tra i vari paesi e, se è vero che alcuni non se la passano bene, altri sono decisamente più favorevoli e propensi alle assunzioni.

Trovare Lavoro All’Estero: Meglio Avere Una Laurea?

Spesso si tende a pensare che la laurea sia indispensabile per trovare lavoro all’estero. Ma non sempre è così: dipende ovviamente dalla mansione che si vuole fare. Per quanto importante, la laurea a volte non è uno dei requisiti principali per riuscire a trovare un buon lavoro in un altro paese.

Certo, oggi alcuni danno molta importanza a questo titolo di titolo di studio (soprattutto il Regno Unito, i Paesi Bassi, la Germania, la Svizzera, la Svezia, la Norvegia e il Belgio) e può, di conseguenza, aiutare ad avere maggiori agevolazioni.

Laurea o non laurea, il problema principale per lavorare all’estero è la comprensione della lingua: in molte occupazioni, si è tenuti infatti a fare dei test o dei corsi mirati per essere accettati come lavoratori (leggi anche TOEFL Test: Come Funziona e Come Prepararlo). Sarà infatti inutile essere laureati in ingegneria nucleare e poi non saper parlare bene l’inglese: potreste ritrovarvi piuttosto a fare il cameriere o il lavapiatti in qualche pub!

Nonostante tutto, le opportunità lavorative non mancano anche per chi non è laureato. In base a cosa si vuole fare, sarà infatti possibile scegliere un paese rispetto ad un altro. Ad esempio, a Londra sono molto ricercati i bartender, mentre chi vuole lavorare nel campo della ristorazione può scegliere la Francia.

In quasi tutto il Nord Europa, poi, sono molto richieste e ben retribuite le professioni nel settore edilizio. Anche in questo caso, Londra è fra le opzioni migliori fra cui scegliere.

I Migliori Paesi UE Dove Trovare Lavoro

Secondo una recente ricerca Eurostat, il tasso di disoccupazione medio nell’Unione Europea è del 7,1%, mentre in Italia si arriva all’11,2%. In Europa il fanalino di coda è però la Spagna, con una disoccupazione media del 15,9%. Meglio quindi orientarsi verso un’altra destinazione lavorativa.

Fra le migliori mete lavorative c’è invece la Repubblica Ceca, che ha attualmente il tasso di disoccupazione più basso d’Europa (2,2%). Anche Malta sta diventando una meta gettonatissima dagli italiani in cerca di lavoro, grazie alla sua disoccupazione al 3%. Ovviamente, in questa classifica non poteva mancare la Germania: nel “motore” dell’economia europea il tasso di disoccupazione è al 3,4% per cento e le ultime stime lo danno addirittura in calo. Anche in Polonia trovare lavoro è relativamente semplice, grazie alla sua disoccupazione al 3,8%, come anche nei Paesi Bassi (3,9%).

I Migliori Paesi Extra-UE Dove Trovare Lavoro

Chi volesse provare un’esperienza lavorativa in posti ancora più lontani, sappiate che anche nei paesi extracomunitari possono trovarsi interessanti opportunità lavorative. Fra tutte non possiamo non citare la lontana e bellissima Islanda: soprannominata la “Terra del Ghiaccio e del Fuoco”, grazie alla presenza sia di ghiacciai che di vulcani attivi, ha attualmente un tasso di disoccupazione fra i più bassi al mondo (2,9%).

Altra terra interessante sia dal punto di vista culturale e lavorativo è il Giappone, che ha una percentuale bassissima di senza lavoro: solo il 2,5%. Altre destinazioni interessanti per trovare lavoro all’estero sono gli Stati Uniti: grazie alle ultime politiche interne adottate dall’amministrazione Trump, gli ultimi dati sulla disoccupazione hanno registrato un netto miglioramento rispetto al passato, con un tasso attuale del 3,9%.

Ad ogni modo, qualunque sia la meta lavorativa scelta, per trovare lavoro all’estero sarà necessaria una certa conoscenza della lingua inglese (leggi anche Come Sostenere un Colloquio di Lavoro In Inglese).

Be the first to comment on "I Migliori Paesi Esteri Dove è Più Facile Trovare Lavoro"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


*