Lavori per studenti: pro e contro

Con i costi associati all’istruzione superiore lentamente in aumento, lavorare part-time mentre si studia è una necessità per molti studenti – sia per coprire le spese di soggiorno e accademiche o anche solo per il gusto di ottenere di un po’ di denaro, acquisendo maggiore autonomia. Ma il denaro non è l’unica cosa che uno studente può ottenere lavorando part-time. Studiare e lavorare è infatti un ottimo modo per avere una sensazione diretta sul mondo del lavoro reale e per capire come funziona aver a che fare lavorativamente con altre persone. Se uno studente è abbastanza fortunato, potrebbe anche essere in grado di acquisire esperienza trovando un impiego nel campo di suo interesse, cosa che gli garantirebbe un vantaggio inestimabile. Inoltre, gli studenti internazionali che studiano in paesi stranieri, potrebbero trovare nell’ambito lavorativo un’ottima opportunità per perfezionare la lingua. Tuttavia, non mancano i lati meno positivi nel lavorare part-time, fra cui il dispendio di tempo che per uno studente potrebbe essere prezioso.

Lavori per studenti: pro e contro

Lavori per studenti: la necessità di essere realistici

Spesso la tentazione di ottenere qualche soldo in più potrebbe giocare brutti scherzi. Se uno studente non si concede del tempo libero, potrebbe sperimentare la sindrome da burnout, considerati gli impegni dell’attività primaria di studio, fra cui lezioni da seguire, compiti da consegnare e vita sociale ridottissima. Tutto ciò potrebbe facilmente tradursi in una perdita di entusiasmo che minerebbe in maniera seria il percorso di studi dello studente, nonché la sua serenità.

E’ per questo che essere realistici è una necessità: la maggior parte degli studenti, non troverà posizioni lavorative di rilievo. Tutt’altro, si troverà a rivestire ruoli che sicuramente non arricchiranno il curriculum vitae (leggi di più: Come Scrivere Un Curriculm vitae vincente) e che spesso potrebbero essere poco combinabili agli impegni e alle scadenze accademiche.

“Gli studenti internazionali che trovano lavoro, di solito non tendono a trovare un lavoro intellettualmente stimolante, ma tendono a lavorare nei call-center, a lavare i piatti o a servire nei ristoranti, fare il babysitter e così via. Avvertiamo quindi gli studenti che devono assicurarsi di disporre di mezzi finanziari sufficienti, in maniera tale da non fanno affidamento esclusivo su un lavoro umile che potrebbero o meno trovare “, afferma Linda de Haan dell’Università di Amsterdam.

Lavori per studenti: trova un lavoro pertinente ai tuoi interessi

Per non ritrovarsi in un circolo di insoddisfazione lavorativa che potrebbe facilmente tradursi in disagio accademico, uno studente dovrebbe impegnarsi nella ricerca di un lavoro che sia almeno pertinente ai suoi interessi, nel quale possa imparare qualcosa di utile per il futuro. Quasi tutte le università sono dotate di servizi di orientamento, capaci di guidare lo studente e fornire consigli utili.

“Uno studente dovrebbe parlare in rete con i professori, utilizzare i servizi del centro di impiego. Utilizzare i lavori nel campus o fuori dal campus come un’opportunità per costruire competenze, non solo denaro extra. Uno studente può essere in grado di trovare una posizione correlata al proprio campo di studi, cosa che fornisce una base dalla quale si possono conseguire i propri obiettivi di carriera “, afferma Brendan O’Brien, direttore dell‘International Students and Scholars Office della Cornell University.

Lavori per studenti: impiega il tuo tempo in maniera intelligente

In generale, tuttavia, le università scoraggiano gli studenti dal lavorare durante le sessioni di studio. Un portavoce della University of Oxford (leggi di più: University of Oxford) ha affermato:

“L’Università comunica regolarmente agli studenti che lavorare durante le sessioni non sia una buona idea. I termini di Oxford sono brevi ma intensi e lasciano poco tempo per dedicarsi al lavoro part-time, in particolare perché gli studenti sono residenti al college solo durante il semestre. Nonostante questo, molti studenti scelgono di accettare posti di lavoro al di fuori del programma a 8 settimane. “

Un portavoce dell’University of Cambridge (leggi di più: University of Cambridge) ha aggiunto:

“È importante che gli studenti abbiano tempo sufficiente per tenere il passo con le esigenze accademiche del loro corso e per concedersi il tempo necessario per sfruttare le opportunità sociali e ricreative disponibili presso l’Università”.

Ricorda:
Se sei uno studente a tempo pieno, sarà proprio così: a tempo pieno, quindi sii realistico. Non vorrai certamente guardare indietro e vedere che hai reso i tuoi risultati universitari poco soddisfacenti a causa di un lavoro part-time.

Assicurati di essere in pieno controllo della tua gestione del tempo e delle tue capacità organizzative per poter soddisfare il tuo potenziale accademico. O’Brien conclude:

“Gli studenti devono pianificare il loro tempo (leggi di più: Ottimizzare il tempo per studiare) con intelligenza. I docenti possono essere esigenti, l’impiego all’interno del campus può richiedere molto tempo ed è importante avere più tempo per attività, svago ed esercizio fisico. Non fare troppe cose che potrebbero affaticarti mentalmente, in particolare nel tuo primo semestre. “

Be the first to comment on "Lavori per studenti: pro e contro"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


*